Il Valdarno contemporaneo

Venturino_venturi_Pinocchio_Loro

Il Valdarno è un luogo ricco di storia e disseminato di grandi opere artistiche che dall’alto medioevo fino al novecento, rendono il territorio un vero e proprio museo diffuso. Uno di questi luoghi è Casa Venturi, a Loro Ciuffenna. Legata al museo Venturi Venturi, sorto nel 1993 per volere dell’amministrazione comunale per raccogliere le opere del grande artista lo rese, la casa-atelier di Venturino, fatta costruire dall’artista come propria abitazione alla fine del 1960, oggi è sede dell’Archivio Venturino Venturi e del Centro di Documentazione per la Scultura Italiana del Novecento. Oltre a custodire gli ambienti nei quali l’artista ha vissuto nella sua tarda età, mantenendo intatto l’aspetto di laboratorio in cui l’artista produceva le sue opere, questa casa-museo è divenuta un attivo centro di educazione all’arte con produzioni di workshop, laboratori ed eventi espositivi di livello nazionale.

Il Cassero per la Scultura a Montevarchi è un luogo dotato di estremo fascino che conserva ancora suggestioni medievali, oggi è un centro ricerca e di documentazione della scultura italiana dell’Ottocento e del Novecento. Raccoglie e acquisisce materiale sugli scultori del periodo, configurandosi come punto di riferimento per le numerose gipsoteche e Musei d’Artista presenti nella Regione e in Italia. Negli spazi dedicati alla vasta collezione permanente hanno preso posto anche le sculture del montevarchino Ernesto Galeffi, prima collocate nell’omonimo museo che oggi è identificato come Spazio Galeffi e destinato, grazie al nuovo allestimento, ad ospitare mostre temporanee.

montevarchi

Sempre a Montevarchi è attivo il polo culturale Ginestra Fabbrica della Conoscenza, uno spazio multidisciplinare per la produzione di arte e cultura contemporanea e adibito a ospitare laboratori, workshop, eventi, esposizioni, multimedialità e seminari: un luogo flessibile, dinamico, di aggregazione basato sul dialogo, sullo scambio tra generazioni, tra culture, tra discipline e arti.

A San Giovanni Valdarno, luogo simbolo dell’arte rinascimentale ma capace di caratterizzarsi come fulcro per la promozione della contemporaneità con Casa Masaccio. Da Casa natale del rivoluzionario pittore, si è trasformata nel tempo in sede di un centro espositivo già attivo dalla fine degli anni Settanta con una importante attività tesa all’esplorazione critica delle emergenze dell’arte italiana e internazionale. Citiamo tra gli artisti presenti in collezione: Anselmo, Boetti, Moretti, Farulli, Airò, Bartolini, Garutti Staccioli. Negli ultimi anni promuove occasioni di confronto e di sviluppo per i giovani artisti del territorio, attraverso la realizzazione di laboratori, workshop, mostre e cantieri della creatività ed è divenuta piattaforma permanente di residenza per la mobilità degli artisti e dei curatori sia nazionali che esteri.